Venezia, le 14 regole per visitarla con rispetto

Venezia notte
1024 682 Case di Prestigio

Suona un po’ come uno dei proclami del Doge, quando Venezia era la Serenissima, “Welcome to Venice! 14 modi di amare Venezia“, una sorta di vademecum adottato dalla città contro i turisti maleducati. Fermo e deciso nei toni, invita chi visita Venezia a trattarla con rispetto, come fosse una bella signora, delicata, da proteggere. E riguarda tutti quelli che, come nel vostro caso, potrebbero decidere di comprare una casa in vendita a Venezia.
Il provvedimento si è reso necessario dopo che una serie di foto e di video poco lusinghieri mandati alle redazioni di tivù e giornali locali da residenti esasperati e stanchi di vedere maltrattata la propria città, hanno suscitato sdegno e vergogna: inaccettabile vedere i turisti fare pipì nei canali, dormire per strada, tuffarsi persino nelle acque solcate dalle gondole. “Venezia, insieme alla sua Laguna, è un sito incluso nel Patrimonio mondiale dell’Unesco, considerato di eccezionale valore universale, ovvero un bene culturale e naturale unico e insostituibile che esige di essere preservato come parte del patrimonio mondiale dell’umanità e trasmesso alle generazioni future. Un turismo responsabile, consapevole e sostenibile – che non alteri l’ambiente naturale, sociale e artistico e non ostacoli lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche – è necessario per conservare la bellezza e l’unicità di Venezia”, si legge nelle motivazioni che inquadrano la genesi del progetto.

 

Detours

La campagna Detourism, per il turismo sostenibile

A leggere con attenzione quello che tutti chiamano “Decalogo”, ci si accorge che in realtà sono 14 le norme previste, ma il concetto non cambia: il Comune di Venezia ha deciso di promulgare una serie di indicazioni da rispettare, veicolate attraverso i canali che meglio di altri si rivelano adatti ad andare dritti al punto: quelli virtuali. Facebook e Twitter hanno iniziato a diffondere in italiano e in inglese le norme – e le relative sanzioni – in uno dei periodi più caldi dell’anno, quello del Carnevale, che richiama una media di 50mila persone solo per la festa di apertura.
E che, seguendo la media stimata di un aumento del 30% annuo del numero di turisti, continueranno a farlo con la Biennale e più in generale con l’arrivo del periodo estivo. La media di persone raggiunte attraverso alcuni dei profili social più seguiti è di quasi 10mila al giorno. A cui si aggiungono tutti quelli che vengono in contatto con queste indicazioni sui vaporetti o nella cartellonistica sparsa in città.

campagna venezia

Uno dei soggetti della campagna Welcome to Venice!

Guardare Venezia con occhi nuovi

Chi decide di comprare una casa in vendita a Venezia farebbe bene a conoscere alcune di queste regole: per esempio, nell’area di piazza San Marco è vietato consumare cibo e bevande per terra e sono previste sanzioni per i trasgressori. Ed è fatto divieto assoluto di gettare a terra carte o sigarette. Ma nel decalogo non ci sono solo divieti: alcuni sono consigli per vivere Venezia in modo diverso, aprendosi a nuovi orizzonti. Tanto che è nato un vero e proprio movimento, Detourism, che promuove percorsi di turismo alternativo e sostenibile.

Ecco quindi le indicazioni fissate per orientare i visitatori verso l’adozione di comportamenti e stili di viaggio responsabili e rispettosi dell’ambiente, del paesaggio, delle bellezze artistiche e dei valori della comunità locale:

  1. Rispetta Venezia e i modi di vivere dei suoi abitanti.
  2. Venezia non è solo Piazza San Marco: esci dai percorsi principali.
  3. Quando cammini nel centro storico, tieni sempre la destra e non sostare sui ponti.
  4. Sui mezzi pubblici lascia libero il passaggio e riponi valigie e zaini negli spazi previsti.
  5. I monumenti, le scalinate delle chiese, i ponti, i pozzi, le rive dei canali non sono aree pic-nic. Per una sosta, ci sono i giardini pubblici.
  6. Chi danneggia la città con scritte, disegni o lucchetti non ama Venezia, aiutaci a mantenerla pulita.
  7. Utilizza i cestini e non gettare a terra o in acqua mozziconi di sigaretta, carte o gomme da masticare.
  8. In Piazza San Marco e nell’area circostante sono previste sanzioni per chi siede al di fuori degli spazi consentiti e sosta per consumare cibi o bevande.
  9. I colombi rovinano le bellezze artistiche della città: non dar loro da mangiare.
  10. Per motivi di sicurezza a Venezia non è consentito circolare in bicicletta, pattini, skateboard e monopattini.
  11. Il centro storico di Venezia non è una spiaggia: non circolare a torso nudo o in tenuta balneare. In tutti i rii e canali non è consentito bagnarsi, nuotare, pulire cose o animali.
  12. Il centro storico di Venezia non è un campeggio.
  13. Non acquistare merci contraffatte da venditori abusivi, prenota solo visite con guide e accompagnatori turistici autorizzati.
  14. Se alloggi in appartamento, fai la raccolta differenziata!

Per voi una proposta immobiliare nella bellissima Venezia. Scoprila qui

Case di Prestigio
AUTORE

Case di Prestigio

Case di Prestigio è una realtà del panorama immobiliare italiano che opera nel mercato di case per vacanze (seconde case) da oltre 40 anni offrendo ai sui clienti l’assistenza necessaria per una corretta e sicura compravendita di immobili nelle località italiane più rinomate.

Tutte le storie di: Case di Prestigio